Domande frequenti

 

Cosa offre Holle fin dal principio al bebè?

Il latte materno è il miglior nutrimento per il bebè. Vi consigliamo di chiedere a persone specializzate (medico, ostetrica, esperto di alimentazione) informazioni in merito ai vantaggi dell’allattamento. Se non allattate o non allattate più, vi consigliamo il Latte per lattanti 1 bio Holle. Il Latte per lattanti 1 bio Holle può essere utilizzato dal primo biberon come aggiunta al latte materno oppure, se l’allattamento non fosse possibile, in completa sostituzione del latte materno.

Nella fase di svezzamento le poppate con latte materno possono essere sostituite gradualmente dal Latte per lattanti 1 bio Holle .

Il Latte per lattanti 1 bio Holle dal primo biberon è:

  • formulato in modo da avvicinarsi il più possibile al latte materno
  • gustoso e digeribile
  • sostanzioso
  • senza zuccheri aggiunti (gli ingredienti contengono solo zuccheri naturali, lattosio nel latte)
  • naturalmente privo di glutine

Utilizzo del Latte per lattanti 1 bio Holle:

  • dalla nascita
  • come nutrimento esclusivo nei primi mesi
  • in tutto il primo anno di vita
  • come aggiunta al latte materno

Il Latte per lattanti 1 bio Holle contiene tutte le sostanze nutrienti di cui un bebè ha bisogno fin dall’inizio.

Gli ingredienti del Latte per lattanti 1 bio Holle provengono per più del 99% da coltivazioni biologiche controllate. Le vitamine e le sostanze di origine minerale aggiunte ammontano a meno dello 0,5%. Servono a soddisfare un fabbisogno del lattante che il complesso naturale degli ingredienti non riesce a coprire interamente. Assicuriamo che questi ingredienti non sono geneticamente modificati.

La preparazione è facile e rapida:

Il Latte per lattanti 1 bio Holle viene mescolato bene all’acqua bollita e lasciata raffreddare a 50 °C. Si lascia raffreddare il latte a 37 °C ed è pronto da bere.

Osservate le quantità nella tabella dei pasti e tutte le importanti indicazioni sulla confezione.

Trovate il Latte per lattanti 1 bio Holle nei negozi specializzati (negozi di prodotti dietetici, negozi di prodotti biologici, farmacia su richiesta).

in alto


Al Latte per lattanti 1 bio può essere aggiunta anche la pappa ai fiocchi di riso bio?

Il Latte per lattanti 1 bio è un alimento completo e non deve essere integrato da altri ingredienti. Se è presente un fabbisogno energetico che il latte materno o il Latte per lattanti 1 bio non è più in grado di coprire da solo, è possibile utilizzare il Latte per lattanti 1 bio dall’età dello svezzamento per la preparazione di una pappa lattea ai cereali con fiocchi di riso.

Se il bambino, nonostante il fabbisogno energetico più elevato, non è in grado di mangiare con il cucchiaio, è possibile preparare un biberon con latte e fiocchi di riso. Questa preparazione risulta più sostanziosa e copre il fabbisogno energetico anche di questi bambini.

L’aggiunta di fiocchi di riso o di un'altra pappa per bebè bio al latte per lattanti bio non deve avvenire prima dell’inizio dello svezzamento, vale a dire non prima del quinto mese. Se in questa età si presentano difficoltà per saziare il bambino, consigliatevi con il pediatria, con un esperto di allattamento, con un’ostetrica o con un servizio di consulenza per mamme e papà.

Dopo il sesto mese è possibile preparare la pappa ai fiocchi di riso bio con il Latte di proseguimento 2 bio. Trovate la ricetta su tutte le confezioni di pappa per bebè bio Holle.

in alto


Il mio latte non è sufficiente, cosa posso dare in aggiunta?

Quantità effettiva di latte bevutaDapprima bisogna stabilire se davvero il bebè non riceve latte a sufficienza. A questo scopo bisogna determinare la quantità bevuta dell’intera giornata, non solo di una poppata. Per questa ragione il lattante viene pesato prima e dopo la poppata. La differenza è la quantità effettiva di latte bevuta. Parlate del risultato con l’ostetrica o con il medico.

Aumentare la produzione del latte

In seguito la mamma può cercare eventualmente di aumentare la produzione del latte bevendo la Tisana per la mamma bio Holle oppure tisane ottenute da miscele di erbe (di cumino, finocchio, anice e ortica), massaggiando il seno con un olio per la formazione del latte e allattando di frequente il bambino.

Riflettere sulle proprie abitudini alimentari

Un altro rimedio è il ripensamento delle proprie abitudini alimentari. Durante l’allattamento si dovrebbero consumare alimenti che facilitano la formazione del latte, mentre si dovrebbero evitare quelli che la ostacolano.

Alimenti da evitare:

  • Caffè, tè, cacao, bevande alcoliche e molto gasate
  • Agrumi, bacche dal sapore acidulo
  • Tutti gli alimenti acidi, come succhi acidi, i sottaceti, l’aceto
  • Tutti i tipi di cavoli (tranne il cavolfiore, i broccoli)
  • Segale
  • Alimenti ad alta contaminazione radioattiva come la selvaggina, i frutti di bosco, le interiora e i funghi

Alimenti che aumentano la formazione del latte:

  • Tisana alle erbe (cumino, finocchio, anice), tisana per favorire la formazione del latte, acqua non frizzante o leggermente frizzante, succo di prugnole
  • Latte e latticini come latte acido, latte rappreso, latte acido svedese filmjölk e yoghurt, panna montata
  • Mousse di mandorle, latte di mandorle, mandorle
  • Avena o orzo come zuppa, purea o müesli
  • Verdure crude (che non provochino gonfiore addominale), succo di carote
  • Dolcificanti naturali come succo di mele concentrato, miele, sciroppo di barbabietola da zucchero, estratto di malto,frutta secca
Il Latte per lattanti 1 bio Holle come aggiunta

Dopo aver valutato queste possibilità, se, nonostante questo, è necessaria un’aggiunta, è possibile utilizzare il Latte per lattanti 1 bio Holle. Il suo gusto è bilanciato, in modo tale che il bebè non si abitui a sapori troppo dolci.

Il Latte per lattanti 1 bio: dalla nascita - Holle contiene, oltre al lattosio, anche un altro carboidrato, la maltodestrina. La maltodestrina è un carboidrato complesso (derivato dalla scomposizione dell’amido di mais) che sazia per lungo tempo.

in alto


Quando devo dare la prima pappa?

Nel periodo dopo il quarto mese fino al sesto mese il fabbisogno di nutrimento del bebè non viene più soddisfatto unicamente dal latte materno o dalla poppata dal biberon. Pertanto in questo periodo bisogna cominciare con cautela ad aggiungere cibi solidi (= svezzamento).

Qui trovate altre informazioni sulla fase dello svezzamento e sull’alimentazione consigliata nelle diverse età :

Svezzamento
Svezzamento a seconda dell’età

in alto


Perché il latte deve essere diluito?

Il latte vaccino e il latte materno si differenziano notevolmente nel contenuto di proteine e sostanze di origine minerale, oltre che nel contenuto di carboidrati. Le proteine e le sostanze di origine minerale sono contenute nel latte vaccino in quantità più elevate che nel latte materno. Queste quantità in eccesso dovrebbero essere eliminate dal lattante, tramite i reni, nell’urina. Dal momento che le funzioni renali si sviluppano in modo molto graduale nel lattante, è necessario evitarne il sovraccarico.

Pertanto è necessario adeguarsi alle necessità fisiologiche del lattante, diluendo quindi nei primi sei mesi il latte vaccino con acqua nel rapporto di 1:1 .

Un altro motivo per il quale si diluisce il latte è la necessità del bambino di abituarsi in modo molto graduale a sostanze estranee come le proteine del latte vaccino di .

In sei mesi la funzionalità renale del bebè si sviluppa notevolmente, tanto che è possibile somministrare alimenti solidi e il latte non deve più essere diluito.

Se il vostro bambino è a rischio di allergie, vi preghiamo di parlare con il vostro pediatra di fiducia, in modo che possa predisporre un piano nutrizionale adeguato. La preparazione di pasti dal biberon o di pappe con il latte fresco deve avvenire solo previa approvazione da parte del pediatra di fiducia che fornisce i consigli per la nutrizione.

in alto


La pappa bio Holle può essere preparata solo con acqua anziché con latte? Il pediatra mi ha detto di non dare latte vaccino al mio bambino nel primo anno di vita.

Informazioni complete sull’alimentazione del bebè in caso di allergia al latte vaccino sono presenti alle pagine ”Alimentazione ipoallergenica".

in alto


I prodotti Holle sono tutti realizzati utilizzando il chicco intero del cereale. Il pancino di un lattante è in grado di tollerare il chicco intero del cereale?

Da oltre 60 anni Holle Demeter impiega cereali integrali per la produzione degli alimenti per lattanti. I prodotti integrali costituiscono una base essenziale per l’alimentazione: offrono una gamma di importanti sostanze nutritive e di ingredienti, come le proteine, i grassi, i carboidrati, le fibre, i polisaccaridi, le vitamine, le sostanze di origine minerale e gli oligominerali - Gli amidi da soli, invece, conterrebbero solo carboidrati.

Poiché le funzioni renali e l’apparato digerente alla nascita non sono ancora completamente sviluppati, i bebè non sono in grado di digerire bene i cereali crudi, solamente macinati. Per questa ragione Holle impiega una particolare procedura di estrazione. Gli amidi complessi dei cereali vengono trasformati con l’azione dell’umidità e del calore nei loro zuccheri semplici. Anche i cereali diventano così perfettamente digeribili per i bebè.

Le pappe per bebè bio Holle a base di cereali integrali combinano così in modo eccellente la qualità, la digeribilità e la salubrità per il bebè, oltre a tempi di preparazione molto rapidi per le mamme.

Già la quarta generazione di bambini cresce con gli alimenti per lattanti Holle.

in alto


Quando aggiungo la pappa bio nel biberon, la tettarella non lascia passare il fluido. Quale tettarella devo utilizzare?

Purtroppo per quanto riguarda il biberon non esiste una tettarella adeguata per i cereali integrali. In commercio esistono tettarelle per liquidi densi oppure per il latte che è possibile utilizzare per le pappe oppure esclusivamente per preparazioni a base di latte più fluide. Si consiglia di allargare con cautela il foro della tettarella per il latte praticando un taglietto per il lungo con un paio di forbici appuntite. Dopo aver fatto qualche prova, vi procurerete una tettarella adatta per la poppata del vostro bambino. Per bebè più grandi in grado di inghiottire quantità maggiori, si consiglia preferibilmente l’utilizzo di una tettarella per pappa.

in alto


Il latte per biberon per la notte può essere bollito già la sera prima?

In genere consigliamo di preparare il latte sempre al momento. Si tratta del metodo più sicuro per evitare la formazione di germi.

Se desiderate preparare prima un biberon, potere riporlo in frigorifero (< 10°) e conservarlo per 24 ore al massimo. È sufficiente riscaldarlo al momento dell’utilizzo.

in alto


Perché l’aggiunta di olio vegetale è così importante per le pappe dei bebè?

Le pappe prive di latte, come la pappa a base di verdura, patata e carne oppure a base di frutta sono pressoché prive di grassi. Per favorire l’assunzione delle vitamine liposolubili, si consiglia di aggiungere dell’olio vegetale. L’aggiunta di olio completa il pasto a base di omogeneizzati o le pappe fornendo acidi grassi essenziali e un corretto apporto di energia. Consigliamo l’olio per l’alimentazione del bebè Holle, in alternativa è possibile utilizzare olio di colza oppure olio di semi di girasole.

Per circa 200 g di pappa:
Pasto con verdura e carne: 2 TL
Pasto a base di frutta/frutta e cereali: 1 TL

in alto


A cosa serve l’aggiunta di succo di frutta con vitamina C alla pappa?

Consigliamo l’aggiunta di succo di frutta con vitamina C o di purea di frutta alle pappe a base di verdura e alle pappe lattee con cereali. Integrano il contenuto vitaminico degli alimenti in modo naturale e facilitano l’assunzione di ferro. Il nostro consiglio: aggiungere ad es. 2 cucchiai di succo d’arancia, succo di ribes, 4-5 ribes neri in purea oppure un quarto di mela fresca grattugiata.

in alto


È necessario dare da bere al bambino oltre ad allattarlo al seno?

I bebè ottengono dal latte materno liquidi a sufficienza. Anche la poppata dal biberon fornisce un sufficiente apporto di liquidi. In situazioni particolari, in caso di febbre o diarrea, è necessario compensare l’aumentata perdita di liquidi. Se il vostro bebè dovesse avere ancora sete, dissetatelo in modo adeguato. A questo scopo sono ideali la tisana per bambini bio Holle oppure una tisana al finocchio non zuccherata, l’acqua minerale naturale o, in caso di buona qualità dell’acqua, acqua di rubinetto bollita.

in alto


A cosa occorre prestare attenzione quanto compaiono i primi dentini?

Una prima dentatura sana costituisce la base per lo sviluppo di una dentatura definitiva altrettanto sana. Fin dall’inizio i genitori devono prestare attenzione a una igiene orale regolare dei loro bambini. Fin dalla comparsa del primo dentino, i genitori possono cominciare a rimuovere eventuali residui. Per la prima igiene orale è sufficiente pulire i dentini con bastoncino di ovatta inumidito. Accanto alla cura, svolge un ruolo decisivo anche l’alimentazione. I succhi di frutta acidi intaccano lo smalto dentario e quindi i dentini del bebè e devono essere evitati. Non lasciate il biberon al bebè come oggetto da succhiare dopo la poppata. Questo danneggia in particolar modo i dentini.

Già durante lo svezzamento fornite al vostro bebè un alimentazione variata e senza zuccheri aggiunti. Se il bebè si abitua precocemente agli alimenti addolciti, potrebbe in seguito andare soggetto alla comparsa della carie.

in alto

Olio bio per l'alimentazione del bebè

Qui trovate altre informazioni sull'olio bio per l'alimentazione del bebè.